In Italia possiamo vantare un grande primato. Nella nostra produzione di miele uniflorali, ovvero dove c’è una chiara e netta prevalenza di una fioritura rispetto alle altre, si possono annoverare più di 50 diverse tipologie di miele! Alcune sono più facili da produrre oppure sono molto conosciute, come ad esempio il miele di acacia o il miele di agrumi. Altre, invece, sono delle eccellenze della produzione locale, che le api e i loro apicoltori riescono a realizzare solo in alcuni luoghi e in alcune annate fortunate.

Sono proprio alcuni di questi mieli rari e pregiati che ti vogliamo presentare, sia per raccontare la grande ricchezza del nostro paese sia per dare risalto a queste produzioni molto spesso sconosciute.

Miele di santoreggia

mieli rari e pregiati - miele di santoreggia

Il miele di santoreggia viene prodotto a partire dalla Santureja montana, che appartiene alla stessa famiglia del timo. Non a caso, in Abruzzo è conosciuto come “miele di timo”.

La santoreggia è un piccolo arbusto che raggiunge i 15-20cm di altezza. I suoi fiori, rossi o bianchi, fioriscono tra il mese di maggio e il mese di giugno. Conosciuta fin dai tempi dei romani, questa pianta è molto utilizzata in cucina per esaltare il gusto delle pietanze, soprattutto quello dei legumi, e per la preparazione di svariate salse e condimenti. Nell’antichità, le si riconoscevano poteri afrodisiaci ed era un ingrediente immancabile nelle pozioni d’amore.

Il miele di santoreggia forse non avrà questi poteri tanto ricercati presso gli antichi, ma è sicuramente uno dei mieli rari e pregiati da non lasciarsi sfuggire. Questo miele dal colore ambrato chiaro e dai riflessi verdi ha un odore e un sapore persistenti, ma gradevoli, certamente caratteristici. Ha una consistenza morbida e una cristallizzazione a cristalli fini. L’aroma ricorda il polline, anche se si ritrovano anche note di caffè.

Miele di stregonia

mieli rari e pregiati - miele di stregonia

La stregonia è una pianta originaria del Mediterraneo orientale. Nel nostro paese è diffusa principalmente nelle regioni centrali e meridionali. Questa pianta, che può crescere fino ai 40cm di altezza, fiorisce fra i mesi di maggio e luglio. Tuttavia non è facile imbattersi nella stregonia perché cresce sopra i 1300m di altitudine, principalmente in ambienti di gariga o prateria mediterranea.

Anche da questi fiori le api raccolgono il nettare e riescono a produrre un miele incredibile, estremamente raro. In Italia, infatti, l’unica produzione monoflorale che si riesce ad avere è in Abruzzo. Le condizioni in cui cresce questa pianta non rendono semplice la produzione di questo miele né alle api né agli apicoltori. Spesso, infatti, si devono posizionare gli alveari su terreni scoscesi e impervi e questo scoraggia moltissimo la produzione.

Il miele di stregonia è un miele molto chiaro, che tende a rimanere liquido a lungo. Al palato risulta molto delicato.

Miele di indaco

mieli rari e pregiati - miele di indaco

L’indaco, meglio conosciuto come falso indaco o Amorpha fructicosa, è un arbusto originario del Nord America. Importato nel nostro paese per la bonifica delle zone paludose, cresce senza bisogno di particolari cure, principalmente vicino al corso dei fiumi, e fiorisce a cavallo tra la fine della primavera e l’inizio dell’estate. I bei fiori rosso-violacei a spiga sono particolarmente apprezzati dalle api, da cui raccolgono sia polline che nettare.

Proprio con il nettare le api producono un miele particolarmente pregiato, di non facile produzione. Alla vista si presenta di colore arancio quando liquido, assumendo tonalità più rosate una volta cristallizzato. Al gusto è mediamente intenso e fruttato, il sapore è delicato e piacevole e ricorda le gelatine di frutta. Proprio per questo suo sapore non troppo invadente ha molteplici usi in cucina. È ottimo abbinato alla selvaggina e in associazione a diversi tipi di formaggio.

Miele di coriandolo

mieli rari e pregiati - miele di coriandolo

Il miele di coriandolo è un miele raro e pregiato che solo recentemente si è riuscito a produrre come monoflora perché sono incrementate notevolmente le coltivazioni di questa pianta aromatica e officinale. Sebbene il fiore abbia un odore non tanto gradevole per il nostro olfatto, il suo nettare è molto apprezzato dalle api.

Questo miele viene prodotto principalmente nelle Marche, in Emilia Romagna e in Abruzzo, tra i mesi di maggio e luglio, periodo in cui il coriandolo fiorisce. Alla stato liquido risulta ambrato/aranciato, ma quando cristallizza assume un colore quasi perlato/dorato e una consistenza densa e compatta.

All’olfatto restituisce un odore molto caratteristico, aromatico e vegetale. Il sapore, invece, è mediamente dolce, con una nota rinfrescante, balsamica, ma che ricorda anche il caffè e il cioccolato.

È ottimo l’abbinamento con le carni e con i formaggi stagionati. È utilizzato anche come dolcificante ed è molto apprezzato nella produzione di torroni.

Miele di marruca

mieli rari e pregiati - miele di marruca

La marruca è un arbusto spontaneo tipico della macchia mediterranea. È molto comune nelle colline maremmane e fiorisce tra i mesi di maggio e giugno. I suoi rami sono particolarmente spinosi, il che li rendeva particolarmente apprezzati per la costruzione di recinzioni attorno ai pascoli.

Durante il periodo di fioritura, le api raccolgono il nettare dei suoi fiori gialli e ne producono un miele estremamente particolare e raro da ottenere. Questo miele viene principalmente prodotto in Toscana, Lazio, Abruzzo e Basilicata.

Alla vista si presenta rosso chiaro, tenue, con riflessi ambrati, con una tendenza media alla cristallizzazione. Al sapore ricorda il caramello, anche se è possibile notate un retrogusto leggermente asprigno. Nella tradizione popolare, gli vengono attribuiti effetti antinfiammatori per lo stomaco e diuretici.

In cucina, è molto apprezzato in abbinamento ai formaggi tipo pecorino ed erborinati.

adotta alveare 3bee

Miele di lupinella

mieli rari e pregiati - miele di lupinella

La lupinella è una pianta erbacea perenne che cresce nei prati e nei pascoli fino ai 2200m. È particolarmente diffusa nell’Appennino settentrionale e centrale e sulle Alpi. I suoi bei fiori rosa-purpurei fioriscono tra maggio e agosto e forniscono alle api molto nettare, da cui ricavano un miele monoflora solo nelle aree montane del centro Italia.

Il miele di lupinella è quindi piuttosto difficile da produrre. Si presenta con un colore molto chiaro, quasi dorato, con un odore e aroma di debole intensità e una nota leggermente fruttata.

È molto utilizzato in abbinamento con bevande, salse e pietanze quando si ha necessità di addolcirle, ma viene apprezzata anche nella preparazione di dolci casalinghi.

 

Addotta un alveare 3Bee e gusta uno di questi mieli rari e pregiati

adotta un alveare 3bee

Questi mieli rari e pregiati non sono quindi facili da trovare, ma i nostri apicoltori 3Bee riescono a produrne in limitate quantità. Puoi ricevere direttamente a casa tua questi mieli così particolari, che possono essere prodotti solo in alcune zone e solo in annate favorevoli, scegliendo di adottare l’alveare di uno degli apicoltori 3Bee.

Iscriviti alla Newsletter

Resta costantemente aggiornato sul fantastico mondo delle api e su tutte le novità 3Bee!

Cliccando subscribe accetti la normativa della privacy d. lgs 196/2003 e Reg. UE 2016/67