Il miele di acacia: caratteristiche e proprietà

Home/Adotta un alveare, Cosa devi sapere riguardo a..., I prodotti delle api, Miele/Il miele di acacia: caratteristiche e proprietà

Il miele di acacia: caratteristiche e proprietà

Mancano pochi giorni all’inizio di maggio, ma sono settimane che gli apicoltori stanno preparando le proprie api per un evento molto importante: la fioritura della robinia. Da essa, infatti, si ricava il noto miele di acacia, sicuramente una delle tipologie di miele più conosciuta e amata da tutti. Gli anni passati non sono stati molto favorevoli per questo tipo di miele,  la cui produzione ha subito cali considerevoli. Ma cosa rende questo miele così “famoso” e quali sono le sue caratteristiche principali?

La pianta della robinia

acaciaIl miele di acacia si ricava dalla Robinia pseudoacacia, anche nota semplicemente come Robinia, una pianta molto diffusa in Piemonte, Lombardia, Veneto e Toscana. Può innalzarsi fino a 25 metri in altezza ed è facilmente riconoscibile grazie ai tipici fiori bianchi o color crema, che presentano la classica conformazione a grappolo. Essi sono caratterizzati soprattutto dal profumo, molto dolce e gradevole.

La robinia è originaria del nord America, importata successivamente in Europa nel 1601 dal botanico Jean Robin, da cui prende il nome. Dalla Francia, si è diffusa poi spontaneamente in tutta Europa, soprattutto nella zona centrale (Germania, Paesi Bassi ,Belgio, Lussemburgo, Svizzera, Austria, Ungheria, Italia e Slovenia).

Essendo un esemplare che cresce velocemente e che si adatta bene a diverse condizioni ambientali, in molte zone può mettere a rischio la sopravvivenza e la diffusione delle piante autoctone. Nonostante ciò, è ritenuta molto utile sia come fonte di legname sia per scopi ornamentali, ma anche come fonte nettarifera .

Un’importante fonte nettarifera

La robinia è una fonte nettarifera importantissima per le api. I suoi fiori sbocciano generalmente durante il mese di maggio ed essa rappresenta la prima grande e attesa fioritura da cui si può ricavare miele monoflora. Sfortunatamente, le condizione climatiche degli ultimi anni non sono state favorevoli per la produzione di questo miele. Il ritorno del freddo e le abbondanti piogge hanno rovinato i fiori e impedito alle api di procedere con il loro lavoro di raccolta di nettare e polline.

Le caratteristiche del miele di acacia

Il miele di acacia è molto conosciuto e apprezzato per le sue caratteristiche, che lo rendono appetibile anche a coloro che non mal sopportano i sapori più forti e particolari. Le sue particolarità iniziano già dal colore. Il miele di acacia è tanto più chiaro e incolore quanto più è puro, ovvero prodotto principalmente a partire dal nettare dell’acacia. Al contrario, se le api bottinatrici raccolgono contemporaneamente anche il nettare di altri fiori, il colore di questo miele può scurirsi fino a raggiungere tonalità giallo paglierino.

Non presenta né un odore né un sapore particolarmente forti o marcati, anzi, la loro assenza è un tratto caratteristico di questo miele. Per questo motivo è molto amato dai bambini e viene preferito rispetto ad altri tipi di miele come dolcificante e come ingrediente in ricette di vario genere. Utilizzando il miele di acacia non si rischia infatti di alterare il gusto degli altri cibi o bevande.

miele di acaciaUn altro degli aspetti che rendono il miele di acacia tanto amato è il fatto che tende a non cristallizzare. Rimane quindi liquido a lungo e anche a basse temperature. Questo è possibile perché, a differenza di altre tipologie di miele, presenta una maggior concentrazione di fruttosio rispetto al glucosio.

Le proprietà benefiche

Il miele d’acacia, così come il miele in generale, presenta numerose proprietà benefiche. È un’ottima fonte di energia, per atleti e non, ed è utile anche come ricostituente grazie non solo al suo apporto calorico, ma anche in quanto fonte di vitamine, proteine e sali minerali. Viene spesso usato come dolcificante proprio a causa del suo sapore delicato e, grazie alla grande quantità di fruttosio in esso contenuta, può essere utilizzato anche dai diabetici, in quanto non necessita dell’insulina per essere metabolizzato (consigliamo comunque di consultare il proprio medico).

Il miele di acacia ha anche effetti disintossicanti per il fegato, è utile per contrastare l’acidità di stomaco e per favorire l’equilibrio intestinale. Come tutto il miele, è un potente antibatterico ed è molto utile per lenire tosse e mal di gola.

Per poter godere appieno dei benefici che apporta il consumo di miele è però importante ricordarsi di scegliere miele grezzo, non sottoposto a lavorazioni e adulterazioni industriali. È bene preferire, quindi, miele italiano e prodotto localmente. L’importanza di scegliere un prodotto di qualità e la cui origine sia controllata è fondamentale. Vista l’abbondante domanda di miele di acacia, infatti, il mercato è invaso da prodotti di importazione di cui non si possono avere garanzie sulla genuinità e provenienza.

Adotta anche tu un alveare 3Bee!

3Bee ti dà la possibilità di poter consumare miele italiano la cui origine è controllata grazie ai nostri sistemi di monitoraggio per arnie. Scegli anche tu di adottare un alveare 3Bee e ricevi comodamente a casa tua il miele prodotto dalle tue api! Scopri come fare!

 

Fonti

Iscriviti alla Newsletter

Resta costantemente aggiornato sulle novità 3Bee.
Le api hanno bisogno di te, non perderti nemmeno un buzz!

Cliccando subscribe accetti la normativa della privacy d. lgs 196/2003

2018-04-27T11:10:01+00:00 aprile 27, 2018 |
Se non vuoi utilizzare i cookies di cui dispone questo sito, seleziona l'impostazione appropriata sul tuo browser. Se continui a navigare, acconsenti all'utilizzo dei cookies così come indicato nella nostra normativa privacy