Da diverso tempo, si cercano soluzioni contro “l’Armageddon” degli insetti in corso, ossia l’enorme perdita di insetti fondamentali per il nostro ecosistema.
Uno dei più importanti per la preservazione della biodiversità del nostro pianeta sono le api, la cui moria ne sta decretando una rapida e inarrestabile estinzione.
Le cause sono diverse, dai cambiamenti climatici ai parassiti come la Varroa, fino al massiccio utilizzo di pesticidi e insetticidi in agricoltura.
Si stima che negli ultimi 5 anni siano stati persi dieci milioni di alveari al mondo. Dagli USA all’Europa, si contano perdite per oltre il 40% di esemplari e anche la produzione di miele, a livello generale, attraversa una crisi forte e costante.
Una soluzione quasi involontaria, ma decisamente efficace, è emersa in seguito alla recente legalizzazione in 11 diversi Stati americani della coltivazione di canapa. In queste aree, infatti, prosperano le popolazioni di api.

A raccontarlo è una ricerca scientifica della Cornell University, pubblicata su Environmental Entomology.

api

Lo studio rivela che le api frequentano sempre di più le alte piantagioni di canapa di diverse aree dove la produzione di cannabis è aumentata grazie alla legalizzazione.
Secondo i ricercatori, queste piante ricche di nutrienti forniscono alle api una sorta di sollievo dopo la continua perdita di habitat legata all’uso agricolo e agli insetticidi.
In particolare alle api “piace” la canapa sativa, varietà che per i ricercatori della Cornell è stata in grado di aiutare e attirare ben “16 diverse specie”.

A richiamare le api è il polline delle piantagioni di canapa, ricco e abbondante, che sostituisce per gli insetti la grande carenza floreale che si sta verificando nelle zone agricole soprattutto a fine estate.

Inoltre, secondo i biologi, le piante di cannabis potrebbero rivelarsi una preziosa risorsa nutrizionale per tutta la comunità di insetti, tanto da affermare che:

“I coltivatori, i gestori del territorio e i responsabili politici dovrebbero considerare il suo valore nel sostenere le comunità di api e tener conto della sua attrattiva per le api nello sviluppo di strategie di gestione degli infestanti”.

L’attenzione nei confronti degli insetti impollinatori è sempre più alta e le iniziative a loro favore sono sempre più numerose. Ne sono un esempio i vari progetti relativi alla realizzazione di “corridoi ecologici”, pensati appositamente per attirare questi preziosi insetti e per fornir loro sostentamento. Il problema a monte però rimane, ovvero l’eccessivo uso di pesticidi e insetticidi in agricoltura.

 

Fonti:
La Repubblica

 

adotta alveare

 

Iscriviti alla Newsletter

Resta costantemente aggiornato sul fantastico mondo delle api e su tutte le novità 3Bee!

Cliccando subscribe accetti la normativa della privacy d. lgs 196/2003 e Reg. UE 2016/67