Da dicembre è finalmente aperto il bando di finanziamento per l’apicoltura in Calabria. Anche gli apicoltori calabri, quindi, possono ora presentare domanda per la loro attività apistica. Il nuovo bando è stato approvato nell’ottica di migliorare la valorizzazione, la promozione e la commercializzazione del miele. Questi obiettivi vengono perseguiti attraverso la riduzione dei costi di produzione, l’aumento del livello professionale dell’apicoltore e l’ottimizzazione della lotta contro malattie e aggressori dell’alveare.

ASSISTENZA TECNICA E FORMAZIONE PROFESSIONALE DEGLI APICOLTORI

La misura A comprende sottoazioni specificamente rivolte a istituiti di ricerca, Enti e forme associate. Nello specifico, troviamo corsi di aggiornamento e formazione, seminari e convegni tematici. Tra le altre iniziative finanziate, ricordiamo anche azioni di  comunicazione, sussidi didattici, abbonamenti, schede e opuscoli informativi. Anche l’assistenza tecnica alle aziende rientra in queste voci di spesa.

Sottoazione A.6) Attrezzature per la conduzione dell’apiario, per la lavorazione, il confezionamento e la conservazione dei prodotti per l’apicoltura.

La sottoazione A.6, invece, è rivolta ad apicoltori singoli o associati, avente sede operativa in Calabria, in possesso di regolare partita IVA apistica o agricola e con regolare denuncia degli apiari in BDA.

È inoltre necessario aver regolarmente costituito il fascicolo aziendale presso un CAA, essere iscritti alla CCIAA e possedere almeno 200 alveari.

Rientrano in questa sottoazione gli interventi per acquistare attrezzature che migliorano la conduzione e l’allevamento delle api, tra cui anche interventi innovativi per confezionamento e conservazione di miele e altri prodotti apistici.

La spesa massima ammissibile per azienda è di 10.000€, mentre la soglia minima ammonta a 1.000€. Oltre a tutta la documentazione relativa al richiedente e all’azienda (documenti d’identità, denuncia alveari, autorizzazione sanitaria in caso di acquisto attrezzature per la sala smielatura etc), è necessario presentare una relazione tecnica e due preventivi per ogni voce di spesa con relazione giustificativa ed eventuale autocertificazione in caso di fornitore unico.

Scegli il tuo prodotto e chiedici un preventivo a info@3bee.it

LOTTA ALLE PARASSITOSI

La misura B comprende, al suo interno, incontri periodici con apicoltori per dimostrazioni pratiche e interventi in apiario, indagini su campo relative all’applicazione di strategie di lotta a basso impatto chimico, l’acquisto di farmaci idonei e la sterilizzazione di arnie e attrezzature. Tutte queste sottoazioni sono rivolte a enti, istituiti di ricerca e associazioni apistiche.

RAZIONALIZZAZIONE DELLA TRANSUMANZA

Sottoazione C.2.2) Acquisto attrezzature per l’esercizio del nomadismo – Acquisto macchine, attrezzature e materiali vari specifici per l’esercizio del nomadismo

Il finanziamento copre il 50% della spesa ritenuta ammissibile. I beneficiari sono gli apicoltori singoli o in forma associata con sede legale dell’azienda in Calabria, regolare denuncia degli alveari alla BDA e in possesso di regolare partita IVA agricola o apistica. È necessario inoltre possedere più di 200 alveari, avere il fascicolo aziendale presso un CAA, avere regolare iscrizione alla CCIAA. Bisogna inoltra dimostrare, tramite specifica relazione tecnica, che si pratica nomadismo.

Con questa sottoazione viene finanziato l’acquisto di macchine, attrezzature e materiali vari specifici che agevolano e rendono gestibile e sicura la pratica del nomadismo. La spesa massima ammissibile per beneficiario è di 15.000€, mentre la soglia minima ammonta a 1.000€. Oltre a tutta la documentazione relativa al richiedente e all’azienda, è necessario presentare una relazione tecnica e due preventivi per ogni voce di spesa con relazione giustificativa.

Acquisto dei nostri sistemi di monitoraggio per alveari (bilance e antifurto)

bilance per alveari 3bee

In queste tipologie di spesa sono compresi anche i nostri sistemi di monitoraggio da remoto. Le nostre bilance e i nostri antifurto consentono una migliore e più razionale gestione dell’attività apistica, soprattutto in caso di nomadismo. Avendo sempre sotto controllo le proprie api, si possono programmare visite e interventi mirati, evitando viaggi a vuoto e risparmiando tempo. I dispositivi di monitoraggio ti permetteranno anche di avere preziose informazioni sulla produzione e sul consumo delle scorte, oltre allo stato della colonia. Sul tuo profilo potrai organizzare il tuo lavoro, inserire note, programmare attività e impostare anche soglie di avviso.

Con i dispositivi antifurto è poi possibile proteggere le proprie casse e monitorarle in caso di furto. Non appena il sistema rileva un movimento o una vibrazione anomala, ti vengono inviati allarmi specifici tramite SMS e email. Entrando nell’app, potrai direttamente seguire gli spostamenti della casa.

Scegli il tuo prodotto e chiedici un preventivo a info@3bee.it

MISURE DI SOSTEGNO PER IL RIPOPOLAMENTO DEL PATRIMONIO APISTICO COMUNITARIO

La misura E prevede un’unica sottoazione, la E.1, relativa all’acquisto di api regine. Il finanziamento copre il 60% della spesa effettuata, che non può essere comunque inferiore a 1.000€. I livelli di spesa massima sono calcolati in base al numero di alveari posseduti. Si parte da un minimo di 2.000€ per chi possiede da 50 a 150 alveari fino a un massimo di 6.000€ per chi ha oltre 501 alveari.

È possibile acquistare solo api regine appartenenti alla razza Apis mellifera ligustica e a ecotipi locali di provenienza italiana. È necessario possedere una certificazione di idoneità sanitaria e di appartenenza alla tipologia ammessa dal bando. Per ogni ape regina non si può superare la soglia di spesa di 18€.

La domanda deve essere corredata dai documenti di identità del legale rappresentante, dichiarazione degli alveari posseduti e denuncia presso la BDA.

COLLABORAZIONE CON ORGANISMI SPECIALIZZATI PER LA REALIZZAZIONE DI PROGRAMMI DI RICERCA APPLICATA NEI SETTORI DELL’APICOLTURA E DEI PRODOTTI DELL’APICOLTURA

Il miglioramento qualitativo dei prodotti dell’apicoltura mediante analisi fisico-chimiche e microbiologiche, studi di tipizzazione in base all’origine botanica e geografica (sottoazione F.1) è invece riservato a Enti, istituiti di ricerca e forme associate.

Scegli il tuo prodotto e chiedici un preventivo a info@3bee.it

PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE

Le domande di aiuto devono essere inviate direttamente alla Regione Calabria – Dipartimento Agricoltura e Risorse Agroalimentari – Settore n. 8 – Cittadella Regionale, 88100 Catanzaro. Il modello di domanda deve essere scaricato dal sito internet SIAN . Le domande di contributo vanno presentate entro 45 giorni dalla data di pubblicazione del bando sul sito di riferimento.

Le domande devono essere presentare inviandole tramite posta a mezzo raccomandata A/R. L’indirizzo è il seguente: Regione Calabria Cittadella Regionale Viale Europa – Catanzaro (CZ) – 88100 – Dipartimento Agricoltura e risorse agroalimentari – Settore 8 zona 6 Levante. Sul plico chiuso dovrà essere apposta, a pena di esclusione, la seguente dicitura: BANDO REGIONALE DI ACCESSO AI BENEFICI PREVISTI DAL PROGRAMMA APISTICO 2020/2021 – NON APRIRE.

Per leggere nella sua interezza il testo del bando consulta il sito  o leggi direttamente il bando 

Richiedi subito il tuo preventivo!
Contattaci per avere maggiori informazioni e per ricevere il nostro catalogo  prodotti



     

    Iscriviti alla Newsletter

    Resta costantemente aggiornato sugli innovativi sistemi di monitoraggio firmati 3Bee
    e su tutte le novità del mondo dell’apicoltura.

    Cliccando subscribe accetti la normativa della privacy d. lgs 196/2003 e Reg. UE 2016/67

       

      UE