Le api sono degli insetti importantissimi, non solo per il miele che producono e che siamo abituati a consumare. Grazie al sempre maggior interessamento, stiamo imparando a conoscerle e siamo sempre più consapevoli dei problemi che loro e i loro apicoltori devono affrontare quotidianamente.

È proprio per rendere tutti più partecipi di questo mondo incredibile che nasce il progetto “Adotta un alveare”.

Adotta un alveare 3Bee

Adottando un alveare 3Bee, potrai scegliere uno dei tanti alveari italiani monitorati con la nostra tecnologia e seguirne la crescita e lo sviluppo direttamente dal tuo smartphone. Accedendo al tuo profilo, vedrai tutti i dati raccolti, gli stessi che utilizza l’apicoltore per progettare i suoi lavori in apiario e per conoscere lo stato di salute dell’alveare. A fine stagione apistica, riceverai direttamente a casa tua il miele che hai scelto e che viene prodotto dall’alveare.

“Adotta un alveare” non è solo un modo, quindi, per avvicinarsi al mondo delle api, ma anche per sostenere le realtà apistiche virtuose del nostro paese. Gli apicoltori che utilizzano i nostri dispositivi 3Bee possono monitorare costantemente i loro alveari e il loro stato di salute, migliorando la gestione della loro attività. Il miele di qualità prodotto e non sottoposto a lavorazioni industriali è chiara espressione del luogo in cui le api hanno raccolto il prezioso nettare. Ogni tipologia di miele è dunque unica nel suo genere e frutto del duro lavoro delle api e dei loro apicoltori.

Un regalo perfetto per ogni occasione

Adottando un alveare, puoi anche fare un regalo green davvero speciale, perfetto per ogni occasione. Aiuterai così a sensibilizzare maggiormente le persone che ami su queste importanti tematiche di biodiversità e sostenibilità ambientale. Darai anche il tuo contributo per azzerare la catena di distribuzione del miele perché questo incredibile alimento vi arriverà direttamente dall’apicoltore che lo produce, senza intermediari. Gusterete un prodotto di qualità, 100% italiano e che conserva tutte le sue proprietà benefiche.

Per conoscere meglio il progetto “Adotta un alveare” è utile anche avvicinarsi di più alle realtà apistiche che ne fanno parte. Oggi parliamo dell’Azienda Agricola Apistica di Fabio Galati.

L’Azienda Agricola Apistica di Fabio Galati

adotta un alveare apicoltura galati

L’avventura di Fabio con le api inizia ufficialmente nel 2014. Dopo aver concluso gli studi di ingegneria, decide  infatti di dedicarsi totalmente all’apicoltura e fonda la sua azienda. La sua passione per questi incredibili insetti, però, è di lunga data. Il padre Francesco, infatti, ha alle spalle più di 30 anni di esperienza nel settore.

Il sempre maggior interesse di Fabio per le api lo ha portato ad allevare nuove regine e nuove famiglie, per sopperire alle perdite invernali, senza dover acquistare sciami da altri apicoltori. Proseguendo lungo questo percorso, si è avvalso del supporto anche di corsi e studi specifici seguiti presso il CREA-API. Proprio quest’anno ha ottenuto un grande riconoscimento: l’inserimento nell’Albo Nazionale di Allevatori di Api Italiane.

Fabio si occupa quindi anche della produzione e vendita di sciami da lui prodotti e attentamente selezionati. I nuclei, o sciami, sono delle piccole famiglie di api, spesso sviluppate su 3 o 5 telai. Questi nuclei vengono allevati per poi diventare delle vere e proprie famiglie, pronte per la produzione di miele.

Il miele dell’Apicoltura Galati

Fabio dimostra lo stesso impegno e la stessa dedizione anche nella produzione di miele. Il miele dell’Apicoltura Galati è infatti un miele vergine integrale. Tutte le procedure di estrazione del miele, infatti, vengono eseguite a freddo per non alterare il prodotto e privarlo delle sue numerose proprietà benefiche e nutritive.

Posa dei melari

I passaggi che compie il miele dall’alveare al vasetto sono dunque semplicissimi. I melari vengono prelevati dall’apiario e portati in laboratorio, dove vengono stoccati. I melari sono quella parte dell’arnia che permette più facilmente la raccolta del miele. Sono infatti delle “cassettine” piene di telaini che vengono poste sopra al nido. Lì, le api vanno esclusivamente a immagazzinare il miele.

Disopercolatura ed estrazione

Da lì, si passa alla disopercolatura dei favi. In cosa consiste? Lo strato protettivo di cera che chiude le cellette piene di miele viene tolto e il miele viene poi estratto sfruttando la forza centrifuga. I favi, infatti, vengono inseriti in una macchina, chiamata smielatore, che, compiendo un movimento centrifugo, permette la raccolta del miele.

adotta un alveare apicoltura galati

Microfiltrazione e decantazione

Successivamente, il miele viene microfiltrato per eliminare eventuali residui di cera o altre impurità e poi decantato. Successivamente, si procede con il confezionamento negli appositi vasi.

Le tipologie di miele

Le tipologie di miele che Fabio e le sue api producono nella bella  Calabria sono tipiche del territorio: eucalipto e agrumi, ma anche acacia, castagno, sulla e millefiori.

Da quest’anno, poi, Fabio ha iniziato la conversione a biologico di tutta la sua produzione, anche se è già da qualche anno che segue i metodi di conduzione degli alveari secondo il disciplinare del biologico.

 

L’impegno per far conoscere il mondo delle api

L’impegno di Fabio non si esaurisce qui! Si occupa infatti anche di spiegare il mondo delle api ad adulti e bambini, organizzando dei veri e propri percorsi didattici in apiario, con tanto di degustazione finale!

Adotta gli alveari dell’Apicoltura Galati

Fabio utilizza i nostri dispositivi di monitoraggio ed è presente sulla nostra piattaforma di “Adotta un alveare” che ha permesso al suo incredibile miele di essere conosciuto in tutta la penisola. Se anche tu vuoi gustare il prezioso frutto del lavoro delle sue api, adotta uno dei suoi alveari e scegli il miele che più ti incuriosisce!

 

adotta alveare 3bee

 

Iscriviti alla Newsletter

Resta costantemente aggiornato sul fantastico mondo delle api e su tutte le novità 3Bee!

Cliccando subscribe accetti la normativa della privacy d. lgs 196/2003 e Reg. UE 2016/67